ERICA: TRASLOCO DA CASERTA A REGGIO EMILIA

Anche la fine di un dottorato di ricerca puo’ rappresentare un motivo per traslocare. Ed e’ quello che e’ successo a me, una storia qualunque di un lavoro precario arrivato dopo due anni al copolinea riportandomi alla mia citta’ d’origine: Reggio Emilia. Con la fine del dottorato nasce anche la necessita di traslocare lasciando la casetta Casertana che mi ha ospitato e le mie adorabili coinquiline. Aggravante di un trasloco quando si convive in un appartamento piccolo con altre due donne? La separazione oltre che dalle proprie amiche anche delle proprie cose..E cosi si apre l’estenuante ricerca di dischi, fotografie, utensili da cucina, vestiti sui quali si spera con tutto il cuore ci sia una bella targhetta con il proprio nome per rendere piu’ semplice l’individuazione del legittimo proprietario. Oggetti che evocano ricordi, serate, sorrisi e cosi nello scatolone dei testi universitari metti anche qualche pagina del libro della tua vita.

Un’amica mi ha parlato della Nuova Campania Traslochi e non avrei mai pensato di trovare in un team di traslocatori dei veri „angeli custodi“. Sara’ per le spontanee battute napoletane  e quel problem solving tutto partenopeo che tanto mi manchera’ , ma il team della Nuova Campania Traslochi ha rappresentato, oltre che sicurezza e professionalita’ , quasi un gruppo di amici che mi ha scortato tra un’andata e un ritorno, tra la chiusura e l’apertura di un nuovo capitolo della mia vita.

Recent Posts